Secondo i magistrati il professionista praticava con costanza un sistema per frodare il fisco